Ciclo di Produzione del Vetro Cavo


    Taglio della goccia
Il processo di produzione del vetro cavo ha inizio con il taglio della goccia. Il vetro fuso esce dal crogiolo e viene tagliato in gocce mediante una cesoia meccanica automatica. A questo punto occorre sia lubrificare che raffreddare il materiale: questo è possibile grazie ad un prodotto concentrato, Renite D-5-A, diluito in 300 parti di acqua.
Per applicazione a spruzzo sulle cesoie offriamo anche prodotti concentrati di più elevata qualità, più rapidamente biodegradabili (Renite D-9), puliti ed interamente sintetici, totalmente privi di oli animali, vegetali o minerali (Renite Syn-Cut SC-3). Il D-5-A è comunque adatto per la maggioranza delle lavorazioni di questo tipo.
Tale prodotto viene applicato con l’Atomizzatore Renite E, interamente metallico, resistente al calore, che eroga uno spruzzo molto fine, regolato con precisione. Per questa operazione è indicato anche l’Atomizzatore Renite Extension Head che permette di posizionare l’ugello più vicino alle lame, allontanando il blocco valvola dalla zona di calore intenso.
 
 
    Scivoli, canaline e deflettori
La goccia prosegue verso lo stampo abbozzatore (o di formatura) attraverso una serie di scivoli, canaline e deflettori. A questi elementi meccanici si applica Renite Slide D-10, rivestimento in due componenti (grafite/resina epossidica), per assicurare una superficie resistente al calore ed all’umidità con buone caratteristiche di lubrificazione. I due componenti, forniti in confezioni distinte, sono da miscelare poco prima dell’uso e da applicare con un pennello. Il rivestimento si indurisce in circa sei ore, senza bisogno di ulteriore trattamento in forno.
Chiedeteci la campionatura per provare il nuovissimo Renite Slide D-20, evoluzione del D-10, che sarà composto da un unico prodotto, applicabile con pennello e a qualsiasi temperatura.
 
 
    Stampi abbozzatori
Proseguendo nel ciclo di lavorazione, la goccia giunge allo stampo abbozzatore. Questa è la zona più importante della lubrificazione, in quanto avviene la trasformazione da goccia arrotondata a contenitore cavo. Per questa lavorazione sono consigliati prodotti da applicare mediante scovolo, quali Renite F-72 (scopo generico ed uso medio-pesante) e Renite F-95 (più leggero e pulito, per la produzione di articoli per il settore farmaceutico e cosmetico), la particolare consistenza dei quali impedisce qualsiasi gocciolamento o colatura del prodotto stesso.
È possibile utilizzare anche un prodotto più leggero e pulito, Renite H, applicabile sia mediante scovolo sia mediante l’Atomizzatore Renite E  in forma automatica.
È disponibile, inoltre, Renite CH, un composto per la scovolatura degli stampi abbozzatori per uso leggero che garantisce eccellenti risultati nella produzione di manufatti blu, gialli e neri ad uso cosmetico. È anche utilizzato per stampi da pressa con notevole riduzione dei fumi rispetto al tradizionale prodotto Renite H.
 
 
    Pre-rivestimento per stampi abbozzatori
Sebbene la scovolatura rimanga il miglior modo per lubrificare la maggior parte degli stampi abbozzatori, sono disponibili prodotti che possono sostituire tale operazione con metodi più puliti e tecnologicamente più avanzati. Un passo in questa direzione è rappresentato da Renite R-Seal AKX, applicato a stampi ed attrezzature prima dell’utilizzo.
Il pre-rivestimento, a base d’acqua, si applica come una vernice spray, senza necessità di pre-riscaldare o polimerizzare a caldo. Una volta applicato, Renite R-Seal AKX asciuga in pochi minuti e forma un rivestimento resistente e duraturo.
Con l’uso di Renite R-Seal AKX è possibile lavorare fino a 2 ore senza scovolatura dall’avvio della produzione: grazie a questo pre-rivestimento la frequenza di scovolatura è notevolmente ridotta ed il consumo di lubrificante è ridotto di circa il 30%. Un ulteriore vantaggio per l’operatore è rappresentato dalla sensibile riduzione di esalazioni irritanti e fumo conseguenti alla ridotta quantità di lubrificante applicato.
 
 
    Anelli del collare ed altre attrezzature ausiliarie
È necessario lubrificare anche tutta l’attrezzatura ausiliaria utilizzata nella composizione dello stampo, quali ad esempio anelli del collare, piastre di colata e punzoni. Per questi ultimi talvolta si utilizza il lubrificante adottato per lo stampo abbozzatore, ma per gli anelli del collare in genere si preferisce un lubrificante più leggero e fluido.
Il prodotto ottimale per questa lubrificazione è il Renite H-9.
Nel caso di produzioni che richiedono una pulizia particolare, come ad esempio barattoli per omogeneizzati o maionese, è possibile impiegare Renite H, olio contenente una quantità di grafite così fine da rimanere in sospensione illimitata senza l’aiuto di agenti addensanti o sospensivi.
 
  
    Stampi di finitura
A questo punto il “paraison” viene trasferito allo stampo di finitura per la soffiatura finale nella forma definitiva. Qui non occorre eccessiva lubrificazione, tuttavia una leggera lubrificazione può spesso essere utile.
Talvolta sul bordo dello stampo di finitura o sulla piastra di colata si applica olio leggermente grafitato, Renite H o Renite F-5, quest’ultimo è il più leggero dei composti Renite per la lubrificazione di stampi sbozzatori.
Sono disponibili, inoltre, speciali paste anti-frattura superficiale che vengono applicate in piccoli quantitativi nei punti particolarmente difficili degli stampi di finitura.
Tra queste la più utilizzata è la pasta a basso contenuto di zolfo Renite Chek-No Mor.
 
 
    Pre-rivestimento per stampi finitori
Renite LMP, MP e MPR sono utilizzati per incollare gli stampi nella produzione manuale del vetro soffiato, su macchine Hartford 28 o simili. Applicati con un pennello sugli stampi, servono da rivestimento colloso e appiccicoso che cattura e trattiene polveri di sughero e segatura. La cottura indurisce il rivestimento, che viene poi strofinato dolcemente e inumidito, trasformando il vetro grazie al vapore ed al rivestimento.
 
 
    Nastro trasportatore del forno di ricottura
Il contenitore finito arriva al tappeto del forno di ricottura. Per evitare che durante l’attraversamento del forno il manufatto aderisca al tappeto ed assorba la ruggine, è possibile rivestire il nastro trasportatore con Renite S-24, un prodotto grafitato a base d’acqua che si applica mediante apposito dispositivo a rullo in corrispondenza dell’estremità calda dove il nastro trasportatore entra nel forno.
A questo punto la temperatura è già leggermente inferiore, ma il tappeto è ancora sufficientemente caldo per consentire allo strato di lubrificante di essiccare prima di venire a contatto con i manufatti.
Diluito con acqua in rapporto 5:1, Renite S-24 viene applicato automaticamente in breve tempo mentre il nastro trasportatore prosegue nel suo percorso; una sola applicazione è sufficiente per parecchi giorni di lavorazione.
Gli operatori del settore preparano di norma anche una pasta, denominata Goop S-24, mescolando Renite S-24 con un ugual volume di farina, in grado di formare un rivestimento ottimo e durevole per pinze di prelievo, pale di ruote dentate ed altri utensili simili che vengono a contatto con il vetro caldo.
 
 
    Scivolo per i rottami di vetro
L’uso degli apparecchi e dei lubrificanti Renite dalla cesoia al forno di ricottura garantisce una buona qualità del prodotto ed una percentuale di scarti minima; tuttavia, per problemi meccanici o di altro genere, non è possibile eliminare completamente gli scarti.
Per facilitare lo scorrimento dei rottami lungo l’apposito scivolo, è disponibile il prodotto Renite BL-1-B, grasso impermeabile per scivoli per rottami di vetro.
 
 
    Altre operazioni – Lubrificazioni a spruzzo
È disponibile un’ampia gamma di prodotti lubrificanti e attrezzature per l’applicazione a spruzzo, per tutte le operazioni di stampaggio del vetro che non comportano l’impiego di macchine I.S., quali la produzione di pezzi pressati o soffiati a mano, operazioni con Hartford 28 e plasmatura.
Per questo tipo di esigenze vi preghiamo di contattarci per valutare insieme il prodotto che meglio risponde alle vostre esigenze.

 

Lavorazione del metallo

Torna a inizio pagina

Produzione del vetro cavo